Conviviale per il progetto Jatropha

Raccolti 5.640 Euro alla “Conviviale al profumo del tarufo bianco di San Miniato per sostenere la coltivazione di jatropha in Burkina Faso”.

Venerdì 18 Novembre nelle sale dell’Antico Refettorio SS. Annunziata a San Miniato oltre ottanta commensali, principalmente imprenditori e professionisti ma anche semplici sostenitori, hanno animato la cena a base di tartufo organizzata dal Movimento Shalom Onlus per raccogliere fondi da destinare al progetto “Jatropha”, in Burkina Faso.

Mons. Andrea Pio Cristiani ha introdotto la serata salutando gli intervenuti, trai quali il Cav. Lanfranco Catastini, pioniere dell’imprenditoria conciaria nazionale. È seguita la lettura di un messaggio inviato da Andrea Bocelli che, rammaricandosi per non aver potuto essere presente a causa di impegni all’estero, ha scritto parole profonde sulla condizione umana dei popoli africani esprimendo grande sostegno e incoraggiamento alle opere di Shalom.

In seguito il dott. Stefano Piemontese, agronomo ideatore e supervisore del progetto d’imprenditoria etica per lo sviluppo della filiera dell’agro-combustibile nei territori sub-sahariani, rientrato dal Burkina due giorni fa, ha fatto il punto sulla situazione ad oggi e su quello che resta da fare: i circa mille ettari di terreno coltivati a Jatropha Curcas insieme ad altre colture destinate ai consumi alimentari, cominciano a dare i primi raccolti. Si pone quindi ora la sfida di creare un impianto di estrazione dell’olio ricavato dai semi, al fine di “Fare business in trasparenza, nel rispetto dei valori, dell’identità dei popoli e per il bene comune” – come ha sottolineato il dott. Marco Gragnoli, commercialista che segue gli aspetti amministrativi del progetto – “Una iniziativa tesa ha creare ricchezza e occupazione in loco, mirata anche a contrastare il fenomeno dell’inurbamento che sta vivendo il Burkina”.

I 5.640 Euro raccolti a fine serata saranno quindi destinati alla realizzazione di un oleificio industriale, nei pressi della piantagione, che sarà gestito da una società di diritto burkinabè partecipata da Mouvement Shalom Burkina e da una S.r.l. Italiana vicina al Movimento. Durante la cena è stato presentato anche il volume fotografico “Jatropha Curcas. La filiera dell’agrocombustibile in Burkina Faso”, di Stefano Piemontese. “L’obiettivo finale” – come scrive Piemontese – “è che gli investitori abbiano i loro profitti, gli Stati il loro sviluppo e la gente il proprio cibo”.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: